Warning: Declaration of c2c_ConfigureSMTP::options_page_description() should be compatible with C2C_Plugin_023::options_page_description($localized_heading_text = '') in /homepages/23/d616626534/htdocs/clickandbuilds/wwwfabantit/wp-content/plugins/configure-smtp/configure-smtp.php on line 47
FABulous ANTarctica | Attività svolta nell’ambito del Protocollo di intesa fra MIUR e MNA per diffondere le conoscenze scientifiche sulle regioni polari agli studenti di scuola secondaria e con la collaborazione del PNRA | Pagina 3
a fine spettacolo

Antartide chiama … chiama … Rescaldina!

Che bello quando dall’altra parte del video collegamento c’è una delle tue migliori amiche che, inoltre, condivide con te la passione per l’Antartide.

Il collegamento con le seconde A e D dell’Istituto Comprensivo “D. Alighieri” di Rescaldina è stato uno dei più impegnativi per i ricercatori antartici.  Come poteva essere diversamente quando alla guida delle classi, preparatissime sugli argomenti polari, c’è una Prof. “super polare” come l’amica Piera Ciceri che già da tempo ha iniziato con questi “mini scienziati” un percorso didattico sulla “favolosa Antartide”.

E allora questo post è tutto dedicato a loro che lo scorso anno scolastico hanno messo in scena davanti un pubblico entusiasta (tra cui ho avuto la fortuna di esserci anche io) un pezzo di teatro-scienza dedicato alla mirabolante avventura di Ernest Shackleton e la sua nave Endurance (se non la conoscete dovete assolutamente informarvi perché veramente se di “mitologia antartica” si può parlare non si può fare a meno di menzionare l’impresa di questo esploratore antartico!)

Vi lascio alle parole scritte direttamente da questi attori in erba che, secondo me, sono più convincenti di qualsiasi cosa io possa dirvi.

pag1-articolo

pag2

 

L'equipaggio dell'Endurance avvista in lontananza il continente antartico prima di rimanere bloccati tra i ghiacci.
L’equipaggio dell’Endurance avvista in lontananza il continente antartico prima di rimanere bloccato tra i ghiacci.
Lo spettacolo è stato anche il pretesto per affrontare degli argomenti del programma di scienze. L'esperimento "drammatizzato" spiega  perché uno strato di grasso sottocutaneo è importante per l'isolamento termico degli animali polari.
Lo spettacolo è stato anche il pretesto per affrontare degli argomenti del programma di scienze. L’esperimento “drammatizzato” spiega perché uno strato di grasso sottocutaneo, simulato con un guanto di margarina, è importante per l’isolamento termico degli animali polari.
Questo piccolo attore interpreta l'astronauta Parmitano. Andare oggi nello spazio non è poi così diverso dalle spedizioni antartiche.
Questo piccolo attore interpreta l’astronauta Parmitano. Andare oggi nello spazio non è poi così diverso dalle spedizioni antartiche.

Ci rimane solo da chiedere: a quando le repliche?

Presto detto! Il 12 maggio a Milano ad Expo 2015, padiglione Italia, lo spettacolo “Uomini e scienza ai confini del mondo” una storia vera quasi al 100% verrà replicato.
Per quanto mi riguarda cercherò di  non mancare!

Intanto cari ragazzi complimenti a voi e alle vostre fantastiche insegnanti! Se il buongiorno si vede dal mattino …

 

Il gruppo dei subacquei della XXX Spedizione Italiana in Antartide al completo (nella foto insieme ad uno di due medici della base ed al capo spedizione). Copyright PNRA.

Miti antartici

Oggi, carissimi miei “followers”, vorrei condividere con voi un’emozione.

Siamo in Antartide e  questo lo sapete. Qualsiasi attività si faccia qui a MZS  ha  un qualcosa  di eccezionale (almeno per me, cittadina delle medie latitudine,  che si trova qui per la prima volta). Rimango stupefatta ogni qualvolta i ricercatori chiedono qualcosa e “puff”, come per magia, quel qualcosa viene realizzato dai diversi professionisti (artigiani, meccanici, etc, etc) del PNRA.

Ma in mezzo a tante attività stupefacenti ce ne è una che non ho nessuna remora a definire “mitologica”: l’attività subacquea.

L’attività dei subacquei del PNRA  è fondamentale per diversi ambiti della ricerca scientifica che si svolge qui a Mario Zucchelli Station. Spesso, infatti, i ricercatori che si occupano di biologia marina  hanno bisogno di prelevare campioni di sedimento o di organismi bentonici sul fondale marino a decine di metri di profondità.

La permanenza in acqua, che in Antartide ha una temperatura di qualche grado sotto lo zero, senza una specifica attrezzatura sarebbe impossibile. Per questo le immersioni sono preparate nei minimi dettagli e la vestizione del subacqueo diventa un rito che, nel mio immaginario scolastico, mi ha fatto pensare alla vestizione di un guerriero antico che si prepara alla battaglia.

Sono proprio alcune immagini di questa vestizione che vorrei condividere con voi.

 

Istantaneaauguri

Grazie, grazie, grazie …

Come non commuoversi quando, a quasi 16 mila km di distanza da casa, nel periodo natalizio,  una classe come la III A  di Bancole dell’ Istituto Comprensivo di Porto Mantovano invia degli auguri di buone feste così belli!?

 

Grazie bambini da parte di tutti i ricercatori e di tutto il personale della XXX Spedizione Italiana in Antartide. E tante grazie anche al “polarissimo” maestro tecnologico Giancarlo. Ci avete regalato un momento veramente magico!

 

DSCN7870 (Copy)

Antartide chiama … chiama … Rimini!

Particolarmente ricco di spunti il collegamento effettuato con il Liceo Scientifico “A. Einstein” di Rimini dove gli studenti, guidati dalla Prof.ssa Emma Gabellini, hanno impegnato i ricercatori in diversi ambiti. E non solo i ricercatori! Infatti la domanda degli studenti, a cui è dedicato il post, riguarda un aspetto importantissimo qui in Antartide e cioè l’assistenza sanitaria.

Stare quattro mesi in un ambiente come quello antartico espone a diversi tipi di problemi sanitari .  Inoltre, in caso di emergenza, è evidentemente impossibile rientrare tempestivamente in Italia per curarsi. E’ per questo che qui a MZS, in mezzo a tanta neve, c’è – è proprio il caso –  di dirlo un’assistenza sanitaria “con i fiocchi” !

“In base siamo 2 medici ed un infermiere “ci spiega il colonnello Sergio Fulvio, Ufficiale Medico dell’Aeronautica Militare, responsabile del servizio sanitario di Mario Zucchelli Station “ e la nostra attività consiste nell’assicurare la normale assistenza sanitaria ma anche coordinare gli interventi di pronto soccorso sia in base che fuori dalla base.”

“Il presidio sanitario di MZS “continua Sergio” è costituito da due ambienti: un’infermeria per le visite di routine ed una vera e propria sala chirurgica attrezzata anche per gli interventi più delicati.”

La sala chirurgica di MZS. Copyright PNRA.
La sala chirurgica di MZS. Copyright PNRA.

E’ possibile fare anche radiografie e analisi che, con un collegamento di telemedicina con il Policlinico Gemelli di Roma, è possibile far visionare a specialisti italiani per una consulenza .”

Lo staff sanitario al completo: il Dottor Antonio Gagliardi, il Dottor Sergio Fulvio e l'Infermiere Bernardino Angelini. In mezzo a loro posso veramente stare tranquilla! Copyright PNRA.
Lo staff sanitario al completo: il Dottor Antonio Gagliardi, il Dottor Sergio Fulvio e l’Infermiere Bernardino Angelini. In mezzo a loro si può solo “stare bene”! Copyright PNRA.

Penso che la fortuna di avere due medici e un infermiere a disposizione che ti visitano e ti curano nell’arco di 10 minuti, senza prenotazioni e liste di attesa, sia il sogno di ogni italiano … beh, in Antartide questo sogno è una realtà!

Antartide chiama … chiama … Pisa!

A volte i video-collegamenti regalano delle emozioni inaspettate: è il caso in cui tra gli studenti c’è il figlio di un partecipante alla spedizione.

E questo è proprio successo circa una settimana fa, quando ci siamo collegati con una classe della Scuola Primaria “Damiano Chiesa” di Pisa frequentata dal figlio del ricercatore e amico Sandro Francesconi, dell’Università di Pisa, persona splendida a cui dedico questo post.

Il video-collegamento sarebbe dovuto avvenire nell’ ultima sera di permanenza di Sandro in base prima di partire con la nave coreana Araon per tornare in Nuova Zelanda ma … l’imbarco è stato anticipato al giorno prima per cui noi, dalla sala operativa, ci siamo collegati con la scuola e Sandro era con noi “via radio” dalla nave che a qualche km da noi oltre il pack.

La nave Araon vista dalla sala operativa. Tra i passeggeri c'era anche Sandro Francesconi.
Un atipico collegamento a 3: dall’Italia la scuola “Damiano Chiesa” di Pisa, dall’Antartide noi dalla sala operativa e dalla nave Araon (qui fotografata, proprio quella sera, dalla sala operativa) il ricercatore Sandro Francesconi via radio. Copyright PNRA.

I bambini hanno fatto domande sul clima e gli animali ma anche sulla vita del ricercatore in Antartide.

La ricercatrice Silvia Illuminati dell'Università Politecnica delle Marche, risponde ad una "ricercatrice in erba". Copyright PNRA.
La ricercatrice Silvia Illuminati dell’Università Politecnica delle Marche, risponde ad una “ricercatrice in erba”. Copyright PNRA.

Qualche lacrimuccia è stata versata in sala operativa quando il figlio di Sandro ha salutato il padre, che non abbraccia da 2 mesi, da 15.000 km di distanza.

Cosa dire? La vita del ricercatore e del personale logistico “antartico”, cari bambini e lettori tutti, è anche questa: un lungo distacco dalla famiglia, spesso coincidente con le feste natalizie, tutto per amore della ricerca in questo spettacolare continente all’altra estremità del mondo.

Caro Sandro, ti auguriamo tutti quanti di passare le restanti feste in serenità con la tua famiglia. E questo vale anche per tutti gli altri amici che sono partiti con la nave Araon.

ascoli_3

Antartide chiama … chiama … Ascoli Piceno!

La scorsa settimana si è svolto, non con una certa emozione da parte mia, il videocollegamento tra MZS e il Liceo Scientifico “A. Orsini” di Ascoli Piceno, la scuola che mi ha visto sui banchi come studentessa.

Le molte classi coinvolte dalle insegnanti del dipartimento di Scienze, che ringrazio personalmente, hanno impegnato i ricercatori e i meteorologi dell’Aeronautica Militare su diverse interessanti tematiche.

La domanda alla quale, però, è dedicato il post riguarda il “viaggio” per arrivare in Antartide. Io, oramai tanto tempo fa, vi ho parlato del mio viaggio per raggiungere MZS. Un viaggio lungo ma, in effetti, non troppo faticoso, tutto tramite mezzi aerei.

Quando però sul pack davanti la base gli aerei non possono più atterrare perché è diventato troppo sottile, allora da Christchurch o Hobart, i partecipanti alla spedizione partono in nave.

Ecco il breve resconto di uno dei ricercatori, Angelo Galeandro del Politecnico di Bari, che ha voluto condividere con FabAnt “gioie e dolori” del suo viaggio via mare.

Sono partito dall’Italia domenica 30 novembre. Il piano di volo prevedeva lo scalo in diversi aeroporti (Roma, Londra, Dubai per una sosta tecnica necessaria per il rifornimento dell’aereo, Sydney) prima di arrivare ad Hobart, in Tasmania, un’isola situata a sud dell’Australia. Tra tempo di volo e soste, il viaggio in aereo è durato quasi 48 ore. Eravamo in 11 ad essere diretti in Antartide, 8 persone alla base italo-francese Concordia, 3 alla base Mario Zucchelli. Ad Hobart ci siamo divisi, 6 (tra cui io) sono stati imbarcati sull’Astrolabe, una piccola nave francese diretta alla base francese Dumont D’Urville, i restanti 5 hanno proseguito in aereo per Casey (la base australiana).

 

Copyright PNRA.
Copyright PNRA.

Dopo essere rimasti ad Hobart per 4 giorni, a causa di problemi al generatore della nave, siamo salpati sabato 6 dicembre alle 10 del mattino. Tutti e 6 eravamo stati messi in una piccolissima stanza, che dovevamo condividere con i bagagli personali ed i bagagli con gli indumenti da indossare in Antartide. L’Astrolabe è una nave dal fondo piatto e, per questo, molto “sensibile” al moto ondoso. Non per niente, nel corso del tempo si è guadagnata l’appellativo di “Gastrolabe” per le numerose vittime del mal di mare che ha fatto negli anni. E infatti, nonostante il bel tempo e il mare poco agitato, diversi di noi sono stati male.

E' difficilissimo fare una foto "dritta" sull'Astrolabe. Vedere per credere! Copyright PNRA.
E’ difficilissimo fare una foto “dritta” sull’Astrolabe. Vedere per credere! Copyright PNRA.

Il viaggio, che sembrava non avere mai fine, è durato complessivamente 6 giorni. Il 5° giorno siamo arrivati finalmente in acque non mosse e costellate da lastre di ghiaccio alla deriva.

Quando la nave entra tra i ghiacci la navigazione è più tranquilla. Copyright PNRA.
Quando la nave entra tra i ghiacci la navigazione è più tranquilla. Copyright PNRA.

Avvicinandoci alla costa, siamo passati tra enormi iceberg, alcuni alti anche fino ad un centinaio di metri. Su diverse lastre erano “parcheggiati” pinguini di Adelia, pinguini imperatore, foche. In acqua abbiamo visto anche una balena e, forse, un’orca.

Copyright PNRA.
Il soffio di una balena fotografata dal ponte dell’Astrolabe. Copyright PNRA.
Copyright PNRA.
Foca Leopardo sul ghiaccio marino. Copyright PNRA.

Sbarcati a Dumont D’Urville, il giorno dopo ci hanno trasferiti con un piccolo aereo chiamato Twin Otter alla base Mario Zucchelli, destinazione finale, dove siamo arrivati domenica 14 dicembre. Eravamo stati in viaggio per 15 giorni, alcuni dei quali terribili a causa del mal di mare, ma alla fine la soddisfazione di aver raggiunto un posto che suscita emozioni difficilmente esprimibili a parole.

Copyright PNRA.
Foto scattata nei pressi della base francese Dumont D’Urville.Copyright PNRA.

Grazie ad Angelo per averci raccontato la sua esperienza. Anche io ripartirò dall’Antartide via mare … speriamo bene!

DSCN7758 (Copy)

Antartide chiama … chiama … Cremona!

Nella scorsa settimana sono stati molti i collegamenti con le scuole del progetto “Adotta una Scuola dall’Antartide” del PNRA (Programma Nazionale di Ricerca in Antartide), a volte anche due per sera.

La settimana di videocollegamenti è stata aperta dagli studenti delle classi IA e IB CAT dell’Istituto Ghisleri di Cremona guidati dalla loro “polarissima” insegnante, nonché amica, Maria Laura Beltrami.

Alcune delle domande si sono concentrate sulla struttura della base Mario Zucchelli, che è stata la mia casa per questi due mesi e a cui è dedicato questo post.

La struttura della Base Mario Zucchelli “ci spiega il capo spedizione Franco Ricci”  è composta da un corpo centrale a due piani con una pianta a forma di “T”. Al primo piano ci sono i laboratori scientifici, sul lato lungo, e dall’altro lato, coesistono mensa, zona lavanderia, bar, cucine, sale fumatori e non fumatori e la zona notte.”

Una foto di Mario Zucchelli Station. Copyright PNRA.
Una foto di Mario Zucchelli Station. Copyright PNRA.

“La parte superiore” continua Franco ” è strutturata in modo da avere la Sala utenti dei computer, la sala conferenze maggiore, la sala conferenze minore, la sala calcolo, la sala geologi, i laboratori di elettronica e telecomunicazioni unitamente agli uffici della Direzione e le facilities telefoniche. Sopra a tutto ciò c’è la Sala operativa che è stata studiata e realizzata in modo da avere una visuale su 360 gradi.”

Veduta dall'alto di MZS dove si possono osservare oltre al corpo centrale in blu e arancio anche altri edifici come i magazzini  e gli hangar per gli elicotteri. Copyright PNRA.
Veduta dall’alto di MZS dove si possono osservare oltre al corpo centrale in blu e arancio anche altri edifici come i magazzini e gli hangar per gli elicotteri. Copyright PNRA.

“La Base “Mario Zucchelli “continua a raccontarci Franco Ricci “è titolata in memoria del compianto ingegnere che ha seguito questo progetto fin dai primi anni è stata costruita in questo luogo perché, nelle ispezioni precedenti la progettazione, il Prof. Carlo Stocchino, anche lui grande figura dell’Antartide e grande scienziato, unitamente ad altri esperti, capì subito che il posto era perfetto per l’edificazione di una Base. Infatti, Il posto è incantevole e la vicinanza del mare, favorisce tutte quelle attività di ricerca legate alla biologia marina. Inoltre, la posizione è particolarmente adatta per i collegamenti aerei continentali con le altre Basi e con Concordia.

Pista sul pack per l'atterraggio dell'L-100 che, partendo da Christchurch,  porta i primi gruppi di partecipanti alla spedizione. Copyright PNRA.
Pista sul pack per l’atterraggio dell’L-100 che, partendo da Christchurch, porta i primi gruppi di partecipanti alla spedizione. Copyright PNRA.

Il luogo, ha un privilegio unico al mondo per quanto riguarda il panorama. Si vede il Melbourne, un vulcano quiescente alto circa 3000 metri, il Campbell, una lingua di ghiaccio che si estende nel mare blu cobalto, quando il pack, ormai, è solo un ricordo invernale ed il cielo terso di un blu celestiale e cristallino strisciato da pennellate di nubi dalla forma inusuale. Insomma una vera tela dipinta da un artista mai nato”

E guardando la prossima foto come dare torto al nostro capo spedizione?!

Dalla sala operativa di MZS si gode una vista eccezionale. Dietro il mare ghiacciato si staglia la sagoma del Monte Melbourne, un vulcano quiesciente. Copyright PNRA.
Dalla sala operativa di MZS si gode una vista eccezionale. Dietro il mare ghiacciato si staglia la sagoma del Monte Melbourne, un vulcano quiesciente. Copyright PNRA.

Oh, Sole mio … da Soveria Simeri all’Antartide

Questo post è dedicato alla “mitica” IIIA  dell’I.C. “B Citriniti”  di Soveria Simeri e alla loro  Professoressa Donata Perri, che nella posta di Fabant qualche settimana fa mi hanno chiesto di misurare l’ombra di un bastone lungo un metro a mezzogiorno qui in Antartide.

Vi starete chiedendo il perché questa richiesta, non è vero? La risposta è che la nostra IIIA sta partecipando ad un progetto che coinvolge scuole di tutto il mondo che si chiama “Sun Shadow” proposto dal Museo Nazionale dell’Antartide e dalla belga International Polar Foundation.

I ragazzi misurano l’ombra di uno “gnomone” a mezzogiorno in determinati giorni dell’anno e inseriscono i dati in un archivio mondiale.

I ragazzi della IIIA misurano l'ombra dello gnomone.
I ragazzi della IIIA misurano l’ombra dello gnomone.

Ma non è finita: servendosi di un quadrante, i ragazzi misurano l’altezza del Sole , cioè l’angolo tra  il piano dell’orizzonte e la nostra stella.

Con un quadrante i ragazzi misurano anche l'altezza del sole, cioè l'angolo tra il piano dell'orizzonte e la nostra stella.
Con un quadrante i ragazzi misurano anche l’altezza del sole,

Queste misurazioni, ripetute diverse volte durante l’anno, consentono di costruire dei grafici che aiutano gli studenti a capire le relazioni tra movimenti del Sole, latitudine, irraggiamento, alternanza delle stagioni.

Analisi dei dati rilevati nel progetto "Sun Shadow".
Analisi dei dati rilevati nel progetto “Sun Shadow”.

E come potevo tirarmi indietro alla richiesta di una classe “polare” così motivata?!

E allora eccomi alle 12:03 del 21 dicembre (giusto per la cronaca: quasi il momento esatto del solstizio d’estate per chi come me si trova nell’emisfero australe, solstizio d’inverno per chi si trova in quello boreale) a misurare l’ombra dello gnomone.

Una promessa è una promessa. Copyright PNRA.
Una promessa è una promessa. Copyright PNRA.

Nella foto sopra mi trovo al campo remoto di Edmonson Point dove vive una colonia di Pinguini di Adelia oggetto di una ricerca a lungo termine del  PNRA (Programma Nazionale di Ricerca in Antartide).

E per finire vi invio le coordinate del punto in cui ho preso la misura.

Latitudine e longitudine del punto dove ho preso la misura. Copyright PNRA.
Latitudine e longitudine del punto dove ho preso la misura. Latitudine: 74.33067° Sud; Longitudine: 165.14151° Est. Copyright PNRA.

Ops …stavo dimenticando la misura: l’ombra proiettata dallo gnomone era lunga 120,5 cm.

Grazie ancora ai ragazzi di Soveria Simeri e se volete saperne di più sull’attività “Sun Shadow” cliccate qui.

 

DSCN7333 (Copy)

antartide chiama … chiama … udine

Qualche sera fa è stata la volta degli studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale “C. Deganutti” di Udine a collegarsi con Mario Zucchelli Station.

Gli allievi, guidati dal loro insegnante di Scienze (nonché mio collega ed amico) Roberto Basana hanno concentrato le loro domande sulla situazione logistica della stazione di ricerca ma soprattutto sugli aspetti geologici del continente di ghiaccio (non per niente il Professor Basana è un geologo!).

E allora questo post dedicato agli studenti di Udine cercherà di rispondere ad una loro domanda: ci sono i terremoti in Antartide?

“In Antartide, ad eccezione della penisola antartica, i terremoti sono molto rari e di bassa magnitudo” ci spiega Samuele Agostini, ricercatore dell’Istituto di Geoscienze e Georisorse  del CNR di Pisa “Pensate che nel database dei terremoti USGS , dal 2010 ad oggi in tutto il continente antartico sono stati rilevati solo 7 terremoti con magnitudo superiore a 4 quando già solo nella molto più piccola Italia ogni anno se ne registrano centinaia”.

E allora, se ci sono così pochi terremoti,  perché qui nei pressi della stazione Mario Zucchelli  è presente una “grotta sismica” dove sono posizionati dei sismografi?

La grotta sismica scavata nel granito in modo che la temperatura interna si mantenga costante. Copyright PNRA.
La grotta sismica scavata nel granito in modo che la temperatura interna  della stanza dei sismografi si mantenga costante. Copyright PNRA.

“E’ utilissimo avere una stazione sismografica in Antartide” ci spiega Francesco Pongetti, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma “in quanto le praticamente nulle attività antropiche e i rari terremoti locali fanno sì che i sismografi collocati al suo interno diano dei grafici molto puliti di grandi terremoti che avvengono anche a migliaia di km di distanza. Questi dati vengono poi utilizzati per ricostruire il modello interno del nostro pianeta.”

Francesco nella grotta sismica con alle spalle i sismografi. Copyright PNRA.
Francesco nella grotta sismica con alle spalle i sismografi. Copyright PNRA.

 

 

Attività svolta nell’ambito del Protocollo di intesa fra MIUR e MNA per diffondere le conoscenze scientifiche sulle regioni polari agli studenti di scuola secondaria e con la collaborazione del PNRA